Giornata della Memoria 2017: Mario Mosciatti rievoca la vicenda degli ebrei internati a Camerino.

Domenica 28 gennaio 2017 è stato presentato, presso la biblioteca di Urbisaglia, il libro l’Internamento Libero a Camerino tra razzismo, burocrazia e indifferenza di Mario Mosciatti.

libromosciattiL’incontro, organizzato dall’ANPI di Urbisaglia, l’Amministrazione comunale e la Biblioteca di Urbisaglia nell’ambito delle celebrazioni per la Giornata della Memoria 2017, è stato introdotto da Giovanna Salvucci, Presidente dell’ANPI di Urbisaglia, e da Lorenzo Marconi, Presidente Provinciale dell’ANPI, che hanno sottolineato l’importanza della memoria, soprattutto in questa fase storica in cui assistiamo ad una recrudescenza di nazionalismo e di razzismo.

Nella sua presentazione Mario Mosciatti ha rievocato la vicenda di dodici famiglie di ebrei inglesi provenienti da Tripoli, che furono internati presso la Rocca borgesca di Camerino dal febbraio 1942 fino all’aprile del 1944, quando vennero trasferiti a Fossoli e successivamente deportati al campo di Bergen Belsen in Germania.

“La vicenda degli ebrei di Camerino -ha sottolineato Mosciatti – è l’ennesima dimostrazione della partecipazione attiva dell’Italia fascista alla Shoah, avvenuta attraverso il contributo diretto o il silenzio connivente di buona parte della società di allora. Razzismo, burocrazia e indifferenza sono un mix di sentimenti e di atteggiamenti che, allora come oggi, possono produrre solo pagine di storia di cui vergognarsi.”

Al termine della presentazione sono intervenuti Roberto Cruciani e Giuseppe Ferranti, che da anni si dedicano allo studio del Campo di Internamento di Urbisaglia, e la professoressa Clara Ferranti, responsabile scientifico e organizzativo dei corsi istituiti presso l’Università di Macerata per la formazione e l’aggiornamento degli insegnanti sulla didattica della Shoah, promossi dalla Rete Universitaria per il Giorno della Memoria.

L’incontro si è concluso con l’intervento del Sindaco Paolo Giubileo, che ha ribadito l’impegno dell’amministrazione per favorire la musealizzazione dei luoghi del Campo di Urbisaglia presso l’Abbadia di Fiastra e la creazione di un Centro Studi su Urbisaglia che, oltre al patrimonio archeologico, faccia luce sui tristi eventi del secolo scorso. Il Sindaco ha inoltre ringraziato l’Anpi per l’attività svolta e per l’opera di formazione svolta in collaborazione con la Scuola Secondaria di primo grado di Urbisaglia.

mario-mosciatti

Annunci