Festa del 2 giugno con i ragazzi del ’99

E’ ormai una tradizione per il Comune di Urbisaglia – in collaborazione con la sezione dell’ANPI – consegnare il giorno della festa della Repubblica la Costituzione italiana ai diciottenni residenti nella città.

Quest’anno lo è in modo del tutto particolare. I ragazzi del ’99 sono sì i nostri diciottenni, ma anche i diciottenni che cento anni fa, nel 1917, dopo la disfatta di Caporetto furono chiamati nelle trincee del Carso e che contribuirono in maniera determinante a fermare l’offensiva nemica e poi a contrattaccare vittoriosamente giungendo alla fine di quella che è stata definita la Grande Guerra.

Ci è sembrato quindi significativo mettere a confronto queste due generazioni di ragazzi nati e cresciuti ad Urbisaglia, allestendo una mostra che raccoglie foto e documenti riguardanti la classe 1899, ma anche le foto e i racconti dei giovani del 1999.

Nel 1899 ad Urbisaglia nacquero 83 bambini: 51 femmine e 33 maschi. Nella Lista di Leva dei giovani nati nell’anno 1899, chiusa dal Sindaco di Urbisaglia nel gennaio 1917, risultano 29 iscritti, di cui 13 giovani che non erano nati ad Urbisaglia, ma ci si erano trasferiti nel corso degli anni. Diciotto di loro, appena compiuti 18 anni, furono arruolati e mandati in guerra.

Molti erano contadini e coloni, alcuni carrettieri, falegnami, sellai… Il titolo di studio consisteva nel saper leggere e scrivere. Giovani che probabilmente non avevano mai lasciato Urbisaglia e che si trovarono catapultati nella Storia tragica della guerra. Grazie alla loro forza e al loro entusiasmo le sorti della guerra cambiarono e da allora sono rimasti un simbolo di rinascita per il nostro Paese.

I ragazzi del 1999 non partiranno per la guerra e potranno progettare il presente e il futuro. Alessio, Sara, Sofia, Laura, Daria, Samuele, alcuni dei diciottenni urbisagliesi, hanno parlato delle loro passioni e di come trasformarle in un lavoro. Hanno mostrato di non volersi accontentare di un lavoro qualsiasi, ma di impegnarsi per ottenere la realizzazione dei loro sogni.

Ma se i ragazzi che vivono in Europa oggi possono sognare, affermare i loro diritti, essere protagonisti delle loro scelte, anche grazie alle conquiste di chi li ha preceduti, grazie ai settanta anni di pace costruiti a partire dalla nostra carta costituzionale.

La cerimonia della consegna della Costituzione si terrà nel loggiato comunale venerdì 2 giugno dalle ore 10,30 con il saluto del Sindaco e l’inaugurazione della mostra “I Ragazzi del ’99”, illustrata da Giovanna Salvucci, Presidente dell’ANPI di Urbisaglia, e da Silvano Fazi.

Ringraziamo fin da ora Stefano Diomedi  per la bellissima foto del manifesto, le famiglie Menghini, Alzapiedi, Piccinini e Buccolini per le foto e i materiali che ci hanno messo a disposizione, e tutti i neodiciottenni che hanno partecipato all’iniziativa.

Il Direttivo dell’ANPI
Sezione di Urbisaglia

Sigismondo Piccinini

Giornata della Memoria 2017: Mario Mosciatti rievoca la vicenda degli ebrei internati a Camerino.

Domenica 28 gennaio 2017 è stato presentato, presso la biblioteca di Urbisaglia, il libro l’Internamento Libero a Camerino tra razzismo, burocrazia e indifferenza di Mario Mosciatti.

libromosciattiL’incontro, organizzato dall’ANPI di Urbisaglia, l’Amministrazione comunale e la Biblioteca di Urbisaglia nell’ambito delle celebrazioni per la Giornata della Memoria 2017, è stato introdotto da Giovanna Salvucci, Presidente dell’ANPI di Urbisaglia, e da Lorenzo Marconi, Presidente Provinciale dell’ANPI, che hanno sottolineato l’importanza della memoria, soprattutto in questa fase storica in cui assistiamo ad una recrudescenza di nazionalismo e di razzismo.

Nella sua presentazione Mario Mosciatti ha rievocato la vicenda di dodici famiglie di ebrei inglesi provenienti da Tripoli, che furono internati presso la Rocca borgesca di Camerino dal febbraio 1942 fino all’aprile del 1944, quando vennero trasferiti a Fossoli e successivamente deportati al campo di Bergen Belsen in Germania.

“La vicenda degli ebrei di Camerino -ha sottolineato Mosciatti – è l’ennesima dimostrazione della partecipazione attiva dell’Italia fascista alla Shoah, avvenuta attraverso il contributo diretto o il silenzio connivente di buona parte della società di allora. Razzismo, burocrazia e indifferenza sono un mix di sentimenti e di atteggiamenti che, allora come oggi, possono produrre solo pagine di storia di cui vergognarsi.”

Al termine della presentazione sono intervenuti Roberto Cruciani e Giuseppe Ferranti, che da anni si dedicano allo studio del Campo di Internamento di Urbisaglia, e la professoressa Clara Ferranti, responsabile scientifico e organizzativo dei corsi istituiti presso l’Università di Macerata per la formazione e l’aggiornamento degli insegnanti sulla didattica della Shoah, promossi dalla Rete Universitaria per il Giorno della Memoria.

L’incontro si è concluso con l’intervento del Sindaco Paolo Giubileo, che ha ribadito l’impegno dell’amministrazione per favorire la musealizzazione dei luoghi del Campo di Urbisaglia presso l’Abbadia di Fiastra e la creazione di un Centro Studi su Urbisaglia che, oltre al patrimonio archeologico, faccia luce sui tristi eventi del secolo scorso. Il Sindaco ha inoltre ringraziato l’Anpi per l’attività svolta e per l’opera di formazione svolta in collaborazione con la Scuola Secondaria di primo grado di Urbisaglia.

mario-mosciatti

Festa dell’Unità Nazionale 2016

urbisaglia06-11-2016

Oggi ad Urbisaglia si è celebrata la Festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate. Nonostante i problemi legati ai recenti eventi sismici e al maltempo, l’Associazione Combattenti e Reduci e il Comune di Urbisaglia hanno voluto onorare la memoria dei caduti e festeggiare l’unità nazionale.

Alla cerimonia ha partecipato il neo-eletto Sindaco dei ragazzi, Federico Salvucci.

L’ANPI apprezza molto e sostiene il coinvolgimento attivo dei ragazzi: per loro è un’occasione di crescita e di condivisione di quei valori che, da 70 anni, costituiscono i fondamenti della vita democratica del Paese. Auguriamo quindi a Federico Salvucci buon lavoro e speriamo che il suo entusiamo riesca a coinvolgere sempre più ragazzi.

Riportiamo di seguito il discorso di Federico:

Buon giorno a tutti.

Ringrazio il Sindaco, tutti voi presenti e i rappresentanti delle forze armate.

Oggi insieme, qui, al Sacrario dei Caduti di Urbisaglia, celebriamo il Giorno dell’Unità Nazionale e la Giornata delle Forze Armate: ricordiamo insieme la fine del primo conflitto mondiale: – la Grande Guerra– il più importante evento storico che ha segnato profondamente la vita di giovani, bambini, famiglie italiane del ‘900 e che ha determinato enormi cambiamenti politici e sociali per i quali ancora adesso noi giovani, bambini, famiglie italiane ne viviamo i benefici.

In questa giornata, ci sentiamo vicini a chi, poco più grande di noi, lasciò la sua casa e i suoi affetti, sacrificando il loro futuro per un ideale di Italia unita e libera. Possiamo leggere i loro nomi, qui quotidianamente, sono cognomi familiari, di urbisagliesi. Ognuno di loro è ricordato dagli alberi del Parco delle Rimembranze, il “giardino dei pesci”…per il quale dobbiamo, soprattutto noi ragazzi, portare più rispetto.

Proprio in questi giorni, durante questa terribile esperienza del terremoto, ci siamo resi conto quanto sia indispensabile e confortante appartenere ad un Paese unito e solidale, dove le forze e le intelligenze migliori si sono armate, …armate con gli strumenti della solidarietà: il coraggio e il senso di appartenenza al Paese Italia. Ringrazio tutti soprattutto per questi esempi di profonda cittadinanza che in tantissimi hanno dato a noi ragazzi italiani di Urbisaglia.