Lettere dal Campo di concentramento di Urbisaglia

il giorno che verràLunedì 18 maggio 2015, alle ore 17.00 presso la Sala della Biblioteca dell’Istituto Storico della Resistenza in Toscana (Firenze, via Carducci 5/37), verrà presentato il volume:
Giuseppe Viterbo (a cura di)
Il giorno del ritorno che verrà.
Antologia di lettere di Carlo Alberto Viterbo dal campo di concentramento di Urbisaglia.
Introduzione di M. Baiardi e A. Cavaglion
(Aska 2015)

Carlo Alberto Viterbo è stato una figura di spicco dell’ebraismo italiano sin da prima delle leggi razziali. Come ebreo, come sionista e come antifascista allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale fu arrestato e, dopo una detenzione nel carcere romano di Regina Coeli, fu internato nel Campo di Urbisaglia. Da qui   scrisse molte lettere alla moglie e al figlio tredicenne.

Il volume contiene una selezione di queste lettere dalla quale emerge, oltre uno spaccato di storia, la sua forza morale, l’attaccamento ai principi ebraici con lo sforzo di trasmetterli anche ai compagni di sventura e l’affettuoso pensiero verso il figlio che ora ha curato la presente edizione. Una dotta introduzione dei proff. Marta Baiardi e Alberto Cavaglion insieme ad ampi cenni biografici e interessante documentazione fotografica completano l’opera.

 

Testimonianza di Paul Pollak
Fondazione Centro di documentazione Ebraica Contemporanea, Fondo Kalk, III-IV, b.3, fascicolo 33.

“Nella vita degli internati era un fattore di grande importanza la vita religiosa. È indicativo e caratteristico il fatto che molti, che fino ad allora avevano assunto, nei confronti della religione, un atteggiamento indifferente o addirittura ostile, subirono nel Campo un processo di catarsi, e che, su varie ricorrenze religiose, la partecipazione degli internati era completa. Anche qui l’avv. Carlo Alberto Viterbo era il “padre spirituale”, riunendo nella sua persona le cariche di Chazan e di Capo Spirituale. A lui si deve se, ogni venerdì sera ed ogni ricorrenza, sono divenute anche, intimamente ed esteriormente, delle vere festività.”

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...